Biografia

Monica P. è una poliedrica artista partenopea che vede e rappresenta il mondo attraverso il suo sguardo ingenuo che, a dispetto dell’età adulta, conserva in sé integri i valori e la semplicità dell’infanzia.

Nata nel 1972, ha mostrato sin da piccola notevoli capacità nel campo artistico.
In costante bilico fra Ratio e Pathos, Psiche e Amore, nella prima parte della sua vita ha scelto di compiere studi di tipo economico, laureandosi con ottimi voti in Economia del Commercio Internazionale e dei Mercati Valutari. Carriera che non l'ha, però, portata a sentirsi completamente realizzata e soddisfatta.

C'era ancora una parte del suo Io che chiedeva di essere ascoltata.

La svolta fondamentale nella sua esistenza è avvenuta con la nascita delle figlie: quel nuovo incontro con il modo puro e naturale dell'infanzia le ha restituito linfa vitale e l'ha spinta a seguire la sua indole più profonda.
Amante dell’arte contemporanea in genere, ha così iniziato a dipingere da autodidatta, riscuotendo discreti successi.
É così che è nata la sua prima personale "Arcobaleno Pazzo" nel 2010, a cui ha fatto seguito una Collettiva nel 2011.
Nel 2012 ha deciso di aprire Maclis, una "casa dell'arte" nel cuore di Chiaia per offrire a tutti gli artisti emergenti della città ed agli appassionati d'arte contemporanea un laboratorio, un'officina artistica, in cui creare, confrontarsi o anche semplicemente parlare d'arte. Nell'Atelier Maclis è anche possibile ammirare i particolari ed autobiografici quadri di Monica P, le realizzazioni su Seta ed i monili di pregevole fattura di sua creazione.

Nelle opere pittoriche, Monica P. mixa tecniche e materiali in modo innovativo, riuscendo a fondere perfettamente la vita reale con l'Arte dei Colori.
I suoi dipinti sono spaccati di vita attuale trasposti su tela a volte in modo astratto, altre in modo più surrealista od impressionista ma sempre densi di colore e ricchi di meraviglia, anche quando le occasioni raffigurate potrebbero assumere il tratto grigio della quotidianità.